Seleccionar página

Rebekah Taussig, con sede a Kansas City, è una scrittrice, insegnante e creatrice del feed di Instagram @sitting-pretty . Quando era più giovane, dice Rebekah, tagliava la sua sedia a rotelle dalle foto. C'è questa idea radicata che un ausilio per la mobilità ingombra una foto, ma ora voglio mostrare che un bastone, un deambulatore, una sedia a rotelle o qualsiasi cosa qualcuno usi per navigare nel proprio spazio fa parte dell'aspetto di quella persona in un modo esteticamente gradevole. Ecco cinque abiti che ha indossato in una settimana

Sedia a rotelle: TiLite ZRa . Maglione: ASOS, simile. Jeans: H&M, simili. Scarpe: Chuck Taylor (Rebekah le ha dall'ottavo anno!). Maglietta: Etsy, simile.

Sono paralizzato da quando avevo tre mesi. Riesco a stare in piedi un po' e ho la sensazione del corpo, ma non posso camminare da solo. Ho ricevuto la mia prima sedia a rotelle quando stavo iniziando la prima elementare, perché è stato estenuante per me cercare di stare al passo con tutti usando il mio girello. Avevo paura di prendere una sedia a rotelle perché prima li avevo visti solo nelle case di cura e non avevo mai conosciuto nessuno su una sedia a rotelle. Ma appena ho ricevuto il mio, sono rimasto completamente incantato. Era rosa acceso e c'era il mio nome sopra, e ci avrei inventato dei balli.

Giacca di jeans: Express, simile. Maglietta: Sub_Urban Riot . Pantaloni: Forever 21, simili. Stivali: Kinney, simili.

Adoro le scarpe che sembrano per vecchi. Questi sono vecchi stivali da disboscamento che in realtà hanno il piombo nelle suole. Sono super pesanti e goffi, e mi fanno sentire potente e forte (sembrano anche proprio come gli stivali sulla copertina di Wild!).

Abito: Bethany Mota, vintage. Scarpe: Modcloth. Collant: Modcloth.

Questo vestito è vintage e velluto. Stavo facendo la spesa per la mia festa del 30° compleanno, e quando l'ho visto, è stato come se tu appartieni a me, dove dovremmo andare?

Abito: vintage.

Anche questo vestito è vintage. Compro la maggior parte delle cose dai negozi di spedizione. Sono più facili per l'ambiente e ho imparato ad apprezzare le cose uniche. Se qualcosa ha un buco o è stato strappato in qualche modo, se è stato indossato e ha una storia, è quello che voglio. E parte di ciò è perché apprezzo l'unicità del mio corpo. Amo le cose che sono singolari nel mio corpo, e questo si traduce nell'amare la strana maglietta, o il maglione super grosso e brutto che nessuno ha indossato in 30 anni.

Copriruota: Izzy, design di Bodil Jane. Maglione: ASOS. Jeans: vintage. Collana cammeo: vendita immobiliare.

A volte ho la sensazione che la mia capacità di presentarmi nel modo in cui voglio essere visto sia limitata, perché la sedia a rotelle è così rumorosa e immediata. Non appena le persone vedono me, la mia età e la mia sedia, è come se scrivessero una storia nella loro mente su cosa significa per loro e cosa deve significare per me. Quindi, per me, le cose che scelgo di indossare sono in parte per me un modo per controllare quella narrativa in qualche modo. Adoro questi copriruota per questo motivo la prima volta che li ho indossati, hanno cambiato la conversazione. Invece di fare domande ridicole o invasive sulla mia sedia, le persone mi hanno chiesto dell'artista. Immediatamente, i miei copriruota hanno affermato che la vita in un corpo disabile può essere coinvolgente, giocosa e creativa.

Abbiamo scoperto di essere incinta un martedì dello scorso autunno e il martedì successivo abbiamo scoperto che mio marito, Micah, aveva il cancro. Il suo ultimo trattamento con radiazioni è stato la vigilia di Natale, quindi è verso la fine di questa prima fase del trattamento. A volte è ancora bene dire, Wow, tutto questo sta davvero accadendo! Questo E questo! È surreale. Le prime settimane di adattamento sono state di gran lunga le più difficili. Ora abbiamo una presa su di esso un po' di più. Facevano parte della stessa squadra in termini di prendere le cose un giorno alla volta, collegarsi e vedere cosa succede. Con i nostri dolci gattini, lol.

Grazie, Rebecca!

Il primo libro di Rebekah, Sitting Pretty: The View From My Ordinary Resilient Disabled Body , esce ad agosto. E il bambino di Rebekah e Micah è arrivato questo mese! Il suo nome è Otto.

PS Altre settimane di outfit, tra cui un autore/illustratore e un dirigente di marketing.