Seleccionar página

Alex ed io viviamo a New York da due decenni, ma continuiamo a sognare ad occhi aperti di trasferirci in una piccola città. Sono sempre affascinato da quanto potrebbe essere diversa la vita quotidiana e da cosa manchi e cosa amiamo. Così! Ho parlato con nove donne che si sono trasferite dalle grandi città ai luoghi più piccoli, ed ecco cosa hanno rivelato

Perché hai deciso di trasferirti da una grande città a una città o paese più piccolo?

Cercavamo una vita più semplice. Alle lezioni di Mommy and Me, altre mamme parlavano già di mettere i loro bambini in lista d'attesa per le scuole materne e di quali scuole fossero le migliori. Sembrava tutto sconfitto e competitivo. Carrie, Chicago a Whitefish Bay, Wisconsin

Vivere a Seattle stava iniziando a logorarmi. Ho avuto un momento difficile con il tempo e ho sperimentato un terribile disturbo affettivo stagionale. Anche l'aumento del costo della vita mi ha causato stress. Per me era importante comprare un posto e sapevo che lì non sarebbe mai successo. Lauren, da Seattle a Santa Fe

Ci siamo sentiti come se ogni minuto in più che abbiamo trascorso facendo il pendolare o lavorando ci stesse portando via del tempo con la nostra famiglia. Il denaro non era un fattore da poco e ci siamo resi conto che stare in città significava più ore di lavoro. Alyssa, da Boston a Brunswick, nel Maine

2) Cosa ti piace del vivere in una città più piccola?

La città sembra un film di John Hughes degli anni '80. Abbiamo una parata del 4 luglio, socials del gelato e un festival di Halloween. I bambini vanno a scuola a piedi o in bicicletta e adoro addormentarmi nelle notti d'estate con le cicale. Oh, e parcheggi! Avrei potuto gettare le braccia e volteggiare come Julie Andrews in Sound of Music quando ne ho tirato uno per la prima volta. Carrie, Chicago a Whitefish Bay, Wisconsin

Il trasferimento sull'isola ci ha costretto a rallentare. Vediamo i nostri amici non perché facciamo progetti concreti, ma perché c'è solo una spiaggia, un birrificio e un parco. Incontriamo qualcuno mentre usciamo dal negozio di alimentari e, poiché non abbiamo programmi, andiamo al parco con loro per un appuntamento di gioco. È come se trasferirsi sull'isola avesse riportato un senso di spontaneità nelle nostre vite. Christina, da Seattle all'isola di Vashon, Washington

Mi piace che quando il mio GPS dice che mi ci vorranno 10 minuti per raggiungere il negozio di alimentari, in realtà non ci vogliono 45 minuti a causa di costruzioni impreviste e/o vie a senso unico che prima non c'erano! Alyssa, da Boston a Brunswick, nel Maine

Apprezzo la mancanza di affaticamento decisionale. Vuoi provare quel nuovo ristorante alla moda che ha appena aperto? Grande! Ce n'è solo uno in città. A Washington mi sentivo in colpa per tutte le cose che non stavo facendo. Vivevo costantemente in uno stato di FOMO e non ho mai visitato tutti i musei Smithsonian. Michele, Washington, DC a Rochester, Minnesota

Il mio tragitto giornaliero è passato da un'ora e mezza a tratta a dieci minuti. Invece di tornare a casa alle 7 ogni sera, siamo entrambi a casa alle 5:30 e trascorriamo l'intera serata insieme come una famiglia. Quando il tempo è bello, questo significa picnic con cena in spiaggia o gite in bicicletta serali. La vita sembra più gestibile e abbiamo il dono del tempo. Robyn, Chicago a Marthas Vineyard, Massachusetts

3) Cosa c'è di difficile nel vivere in una città più piccola?

Ho imparato che ero viziato crescendo a Las Vegas. La maggior parte dei posti è aperta 24 ore al giorno, e se volevo cibo tailandese all'una di notte, l'ho preso. A Rexburg, devo pianificare in anticipo i miei viaggi Target perché è a 45 minuti di auto a tratta. Jinny, da Las Vegas a Rexburg, Idaho

Ci manca l'abbondanza di scelte di attività per nostro figlio, studi medici, palestre, ecc. a cui avevamo accesso in giro per la città. Abbiamo dovuto accontentarci di alcune cose che potrebbero non essere necessariamente le nostre prime scelte. Alyssa, da Boston a Brunswick, nel Maine

La mancanza di diversità. Sono peruviano-americano e, di nuovo a Washington, la comunità era grande e inclusiva. Ma a Rochester ho trovato difficile per me e per la mia famiglia la mancanza di una comunità peruviana più ampia. Spesso faccio fatica a capire se i miei figli sono abbastanza peruviani.' Michele, Washington, DC a Rochester, Minnesota

Ho decisamente fatto pressione su me stesso per ricreare una comunità di amici come quella che avevo a Chicago. Sto imparando ad essere più gentile con me stesso e ricorda che ci vuole tempo per sentirmi veramente a casa. Robyn, Chicago a Marthas Vineyard, Massachusetts

4) Cosa ti manca della grande città?

Può essere difficile sentire parlare di un fantastico spettacolo di Broadway o di un nuovo fantastico ristorante che apre e sapere che devo perderlo. Tovah, New York a Charlottesville, Virginia

C'era un certo peso che sentivo camminando per la città e sapendo di appartenervi. Visitiamo ancora spesso e mi sento un po' come un estraneo. Di recente abbiamo fatto un viaggio indietro e quando siamo entrati nel nostro hotel il concierge ci ha chiesto da dove stavamo visitando. Ho detto, viviamo nel Maine ma vivevamo qui! Non so perché ho sentito il bisogno di dirlo. Alyssa, da Boston a Brunswick, nel Maine

Mi manca la diversità dei droghieri etnici e le culture vivaci. Amy, da Los Angeles a Bend, nell'Oregon

L'asporto è limitato. Fondamentalmente è pizza. Carrie, Chicago a Whitefish Bay, Wisconsin

5) Com'è la comunità nella città più piccola?

Ci siamo trasferiti in Idaho con il nostro bambino di tre mesi al seguito. Dopo un viaggio estenuante di 12 ore, avevamo un grande camion in movimento da scaricare, da soli, con un bambino. Questo era semplicemente troppo per me. Mi sono diretto a Taco Bell per prendere il pranzo e ho pensato di scaricare il camion quando sono tornato. Sono tornato 20 minuti dopo a un camion in movimento vuoto! Mentre ero via, tutti i nostri vicini erano usciti dai loro appartamenti e avevano aiutato mio marito a scaricare l'intero camion. Una donna ci ha persino portato delle verdure dal suo orto. Jinny, da Las Vegas a Rexburg, Idaho

Il nostro complesso di appartamenti era pieno di sposi novelli e giovani famiglie. Le serate di gioco e le cene familiari condivise avvenivano alcune sere a settimana. C'era persino una pagina Facebook in cui le persone pubblicavano se stavano regalando un passeggino o se avevano bisogno di fare da babysitter. Una volta ho postato perché avevo bisogno di una cipolla per cena e sette persone hanno risposto offrendomi cipolle! Jinny, da Las Vegas a Rexburg, Idaho

La prima cosa che ho notato è quanto sono simpatici gli estranei. Al negozio di alimentari locale, le persone che camminano sorridendo, danno il contatto visivo e salutano. In realtà mi ha colto alla sprovvista. Il mio saluto era sempre in ritardo. Sono stato sorpreso da quanto sia stato facile fare amicizia. Carrie, Chicago a Whitefish Bay, Wisconsin

Amichevole e caloroso. Ci siamo trasferiti a Charlottesville esattamente un mese prima che neonazisti e suprematisti bianchi si radunassero qui, traumatizzando la città. In seguito, da altri residenti bianchi, sentivamo cose del tipo, Quella non è Charlottesville, che l'odio non rappresenta assolutamente la nostra città. Ma da parte degli afroamericani, la risposta è stata un po' più del tipo Sì, ma il lato positivo è stata l'opportunità di esaminare l'eredità del razzismo sistemico di cui un'ampia fascia della comunità liberale bianca (me compreso) non era a conoscenza o ignorava, che potrebbe non essere stato affrontato diversamente. È stato umiliante e stimolante vedere questa comunità riparare i legami e cercare di migliorare le condizioni di vita qui per tutti. C'è ancora molto lavoro da fare, ma le persone qui sono fantastiche. Tovah, New York a Charlottesville, Virginia

La comunità qui mi ha stupito. Ho trovato così difficile fare amicizia a Seattle. Il congelamento di Seattle è davvero una cosa! Trovo che le persone qui siano molto più amichevoli. Mi sento come se fossi parte della comunità qui e non mi sono mai sentito così prima. Lauren, da Seattle a Santa Fe

Ho stretto delle amicizie incredibilmente strette, specialmente con alcune donne che fanno anche il pendolare in traghetto per andare al lavoro. Il giovedì abbiamo quelle che chiamiamo feste in barca. Qualcuno porta caramelle e qualcuno porta una lattina di vino che tutti noi ci dividiamo tra le nostre tazze da caffè. Ridiamo di quello che fanno i ragazzi, ci lamentiamo del lavoro, piangiamo per le cose difficili. Christina, da Seattle all'isola di Vashon, Washington

Quando qualcuno affronta una difficoltà, le persone vengono in loro aiuto con pasti, baby sitter e assistenza. Ad esempio, c'è stato un incendio devastante in una fattoria locale. La comunità ha organizzato una raccolta fondi per aiutare la ricostruzione della fattoria. Mentre guardavamo una band locale suonare nell'Agricultural Hall circondato da membri della comunità di tutte le generazioni e ceti sociali, i nostri bambini correvano fuori con nuovi amici e mi sono sentito incredibilmente fortunato a far parte di questa comunità. Robyn, Chicago a Marthas Vineyard, Massachusetts

È come dice Simplicity Parenting quando hai troppi giocattoli, non giochi a fondo con nessuno. Quando vivi in ​​una piccola città, crei legami profondi con la tua comunità. Hai presente quella sensazione quando hai un ristorante locale e i proprietari conoscono il tuo nome? Vivere in una piccola città è quella sensazione, (quasi) tutto il tempo. Michele, Washington, DC a Rochester, Minnesota

Dove vivi? Vivi in ​​una grande città o in una piccola città? Hai vissuto in entrambi? Mi piacerebbe sentire i tuoi pensieri

PS Dove vivi e dove vuoi crescere i bambini?