Seleccionar página

È ufficiale: sono un newyorkese. Vivo qui da più di 10 anni (questa è la regola, dicono), ma questa vivace città non sarà mai la mia vera città natale

New York si è infiltrata nel mio core: mi trovi spesso a dibattere sul rapporto salsa/crosta su una fetta di pizza; se prendi il mio taxi, sentirai la mia furia; Cammino lungo il marciapiede a velocità record. Eppure le mie radici più profonde sono ancora saldamente piantate nei boschi di sequoie della California settentrionale, dove ho trascorso i miei anni formativi e più a lungo rimango qui, a 2.300 miglia di distanza, più si sentono in profondità.

Visitando la mia piccola città di Fairfax questo Ringraziamento, dopo una notte piovosa, sono uscito e ho preso un respiro profondo. L'aroma croccante di pino e terra bagnata mi ha riempito il naso e sono stato sopraffatto da un senso agrodolce di casa.

Anche a New York, la mia California del Nord si manifesta in piccoli modi. La prima cosa che faccio quando cerco un Airbnb è spuntare la casella della vasca idromassaggio. Abbraccio lo strano in tutti e credo che una lunga camminata o un avocado maturo possano risolvere la maggior parte dei problemi, ma vanno più in profondità. La mia amica d'infanzia, Sarah, che ora vive ad Atlanta, lo dice bene: non sono la persona più estroversa, ma crescere tra tanti musicisti e liberi pensatori nella Bay Area mi ha insegnato come essere onesto e aperto riguardo ai miei sentimenti. Mi sento a mio agio nel riversare la mia anima e credo che nulla dovrebbe essere off limits o vergognoso tra amici.

Loren ha preso la strada inversa in cui è cresciuta in Georgia e ora chiama la sua casa in California. Ma il suo stile di vita da bambino è diminuito da quando si è trasferita. Amo il tè dolce, i balli, il canottaggio e la musica country del sud. Ma la mia vita ora è tutta incentrata sul lavoro e sugli amici sulla costa occidentale, che sembra abbastanza diversa dalla mia città natale incentrata sulla chiesa e sulla famiglia.

Clare, originaria di San Antonio, in Texas, ha cercato di tenere a freno il suo vernacolo meridionale quando si è trasferita a New York sette anni fa. Ho smesso di dire yall per un paio d'anni perché era un indizio morto che venissi dal Texas, spiega. Ma è una parola eccellente, e sono orgoglioso delle mie radici, quindi ora è tornato in pieno vigore. Tuttavia, non ha mai perso il suo istinto nativo per l'ospitalità del sud. Ho sempre cercato di aiutare le persone e mi presento quando dico che lo farò, dice.

Naturalmente, non tutte le persone dello stesso posto cadono ordinatamente in una scatola stereotipata. Ma, cosa interessante, uno studio del 2013 nel Journal of Personality and Social Psychology ha mostrato differenze regionali nelle personalità. Ad esempio, per le persone che vivono nella regione delle Grandi Pianure centro-meridionali, amichevoli e convenzionali erano i tratti più comuni; mentre rilassato e creativo erano i tratti più comuni per quelli nelle aree costiere occidentali e orientali.

Sono nata e cresciuta nel New Jersey, che, grazie al programma televisivo Jersey Shore, non ha sempre la migliore reputazione, dice Maria, una scrittrice che vive a Manhattan. Ci sono molti stereotipi: che amiamo i centri commerciali (sono personalmente colpevole), che non sappiamo guidare (assolutamente vero) e che tutti abbiamo accenti terribili (non vero).

Anche il graphic designer di Minnesota, Ben, ha sentito tutte le battute quando dice agli amici di New York da dove viene. Le persone sono tipo, Oh sì, Minnesota? Poi dico, sì certo, scommetto. Ha abbandonato il suo accento (tranne quando è brillo), ma si identifica ancora come un cittadino del Midwest. Quando mi sono trasferito per la prima volta a New York, mi ci è voluto un po' per abituarmi a quanto brusche e veloci siano le persone qui, dice. Ma ho imparato che i newyorkesi sono in realtà super generosi, solo più guardinghi in pubblico perché di solito sono in missione. Ben ammette di essere diventato lui stesso più impaziente, anche se cerca di rimanere rilassato. Nel complesso, sono ancora super accomodante, cosa che penso sia una cosa del Midwest. Sono anche molto orientato alla famiglia e cerco di essere autentico e simpatico.

Non tutti lasciano la propria città natale e molti di noi sono costretti a trasferirsi principalmente per lavoro, scuola o una relazione, piuttosto che per voglia di cambiamento. Una cosa è quasi universalmente vera: è più facile notare le sfumature di dove vieni (e quali tratti ti hanno cancellato) quando fai un passo indietro. L'attrice Helen Mirren ha detto: Il luogo in cui sei cresciuto diventa una parte importante di ciò che sei per il resto della tua vita. Non puoi scappare da quello. Bene, a volte scappare è ciò che ti rende quello che sei.

E forse è una buona cosa. In un articolo Atlantic sulla psicologia della casa, la psicologa ambientale Susan Clayton afferma: Nel bene e nel male, il luogo in cui siamo cresciuti di solito conserva uno status iconico.

Alla fine della giornata, non importa quanti capi di abbigliamento neri riempiono il mio armadio di New York City, bramerò sempre il cibo della mia città natale (burritos), tiferò per la squadra della mia città natale (49ers!) e adoro davvero quei Redwoods.

Di dove sei? Ti identifichi ancora con la tua città natale?

PS Decidere dove stabilirsi e fare i genitori in giro per il mondo.