Seleccionar página

La scrittrice e musicista Michelle Zauner, conosciuta anche come la sensazione indie rock Japanese Breakfast, è una forza. Anche al telefono a Brooklyn, la sua energia è palpabile e il suo nuovo libro di memorie, Crying in H Mart , è altrettanto affascinante. (L'ho divorato in un fine settimana.) Qui condivide i suoi allenamenti preferiti su YouTube, un rituale di cura di sé accattivante e come ci si sente a scrivere un libro così profondamente personale

Gran parte del tuo bellissimo libro di memorie riguarda la tua relazione con tua madre, morta di cancro quando avevi 25 anni. Devo iniziare chiedendoti: cosa ti ha insegnato tua madre sulla bellezza?
La bellezza è una cosa nella mia vita, simile al cibo, che mi ricorda sempre lei. Era molto interessata alla bellezza, mangiava bene e si prendeva molta cura dei suoi vestiti, della sua pelle, dei suoi capelli. Mia madre ha cercato di instillare in me un regime di cura della pelle in tenera età, ma non volevo avere niente a che fare con quello. In quanto giovane femminista emergente, il mio modo di ribellarmi era respingere la bellezza. Sembrava che le pratiche di bellezza ostacolassero l'essere presi sul serio. Ora, le conversazioni sulla bellezza e sul femminismo sono più sfumate. Non solo è possibile, ma importante, avere un equilibrio.

In che modo crescere tra due culture ha influenzato il tuo approccio alla bellezza?
Sono cresciuto a Eugene, nell'Oregon, e ho trascorso ogni estate con la famiglia in Corea. La cura della pelle è una parte così importante della cultura coreana, ma nonostante la mia esposizione ad essa, non avevo una routine di cura della pelle fino a poco tempo! Ho fatto servizi fotografici in entrambi i luoghi e illustra davvero come la bellezza coreana e quella americana siano così diverse. Se ti trucchi in Corea, il 75% di quello che fanno è la cura della pelle. La maggior parte del tempo viene speso per applicare strati di prodotti per la cura della pelle, prima di applicare un trucco sottile. Negli Stati Uniti, è più focalizzato sul colore del trucco reale, sull'evidenziazione e sul contouring. Ma recentemente, ho notato che molti più americani hanno iniziato a prendere in prestito dal modo coreano di fare le cose.

Ora che ne hai uno, qual è la tua routine quotidiana di cura della pelle?
Ho la pelle molto secca e sensibile. Il mio amico Jason Kim, scrittore e coreano dalla pelle incredibile, mi ha mandato dal suo dermatologo, il dottor Dan Belkin. Ora pulisco con Cetaphil, seguito da SkinBetter Science Alto Defense Serum, seguito da una crema idratante. L'ultima, e più importante, parte della mia routine diurna è MDSolarSciences Mineral Cream, che ha SPF 50. La indosso sempre, anche se sono al chiuso vicino alla finestra. Lo adoro; Mi sento così sofisticato ogni volta che lo indosso.

Che ne dici di notte?
La sera mi strucco con Acqua Micellare BioDerma, poi mi lavo il viso con Cetaphil. Successivamente utilizzo SkinBetter Science Alpharet Overnight Cream , che contiene retinoidi, perché il mio dermatologo ha detto che dovrei usare principi attivi. Mia madre ne sarebbe così entusiasta. La mia pelle si sente decisamente meglio!

Ci sono dei rituali per la cura del corpo che ti piacciono?
Prima della pandemia, andavo regolarmente in una spa coreana, dove una signora del bagno ti strofinava e rimuoveva tutta la pelle morta dal tuo corpo. C'è un posto chiamato Chung Dam Spa, a Cheltenham, fuori Philadelphia, che frequentavo. Una volta che è sicuro, andrò lì e mi farò rimuovere la pelle. È intenso, ma sono cresciuto frequentando le terme coreane, quindi ci sono abituato. Adoro quando ti lavano i capelli è come un'esperienza sacra.

Sono sbalordito dai tuoi tatuaggi. Qual è stato il tuo primo?
Il mio primo tatuaggio è stato un pessimo bastone e un pugno di una ragazza e un cucchiaio, sul retro della mia gamba. Me l'ha regalato un amico, e non è stata una bella esperienza, potrebbero esserci state tre spille da balia sterilizzate con un accendino Bic, ed è stato molto doloroso.

Ma hai continuato! quanti ne hai adesso?
Dopo aver ottenuto il mio primo vero, è stato decisamente più facile. Non ho idea di quanti ne ho, perché il mio braccio è una cosa continua. Almeno 10? Forse 20. Tutti loro hanno una storia alle spalle. Uno dei preferiti è il ragazzo della maionese Kewpie sul mio braccio. Lo amo perché mia madre preparava sempre questo sashimi di capesante con maionese e uova di pesce, e penso a lei ogni volta che lo vedo. Inoltre, adoro davvero la maionese Kewpie! Ce l'ho sempre a casa.

Quando non ti esibisci, di solito indossi il trucco?
Quando si tratta di trucco di tutti i giorni, la cosa numero uno è farmi le sopracciglia. Ho le sopracciglia asiatiche, dove i miei capelli sono molto lunghi, ma divaricati, non densi. Quindi, li riempio sempre con Anastasia Brow Wiz in marrone scuro. È molto preciso, cosa che adoro. La seconda cosa che indosso sempre è il mascara. In questo momento, è LOreal Miss Manga.

Come cambia il tuo trucco quando sei sul palco?
Per uno spettacolo, mi piacciono molto le tavolozze di ombretti rumorosi. È una situazione in più. Quando metto l'ombretto, mi sembra di aver fatto molto, in senso positivo. Mi sento al sicuro. Mi piace questa palette di Urban Decay e anche le palette di Pat McGrath sono fantastiche. Sembro un adolescente a Hot Topic, ma è tutto ciò che so.

Hai qualche rituale di cura di te stesso che ti aiuta a sentirti al meglio?
Ogni mattina, io e mio marito prepariamo il caffè alla stampa francese che ci piace ReAnimator, fuori da Philadelphia, poi lo beviamo a letto e facciamo una lenta lievitazione. L'altro mio rituale è farmi una doccia e poi sdraiarmi nuda, a letto, per 10 minuti. Mi sento come una piccola casseruola; è una cosa così confortante. Ho avuto un cattivo atteggiamento nei confronti della cura di sé per molto tempo, fino a quando un giorno ho visto un episodio di Queer Eye in cui Jonathan ha detto che anche lavarsi i denti è cura di sé. Quello è stato un vero momento per me, ho finalmente capito che non devi fare un bagno completo con una bomba da bagno per sbizzarrirti; può essere presente nelle piccole cose.

So che ti piace fare esercizio. Come incorpori il movimento nella tua vita?
Durante la pandemia, il fitness mi ha tenuto con i piedi per terra. Mi piace il programma Chloe Ting; Muoviti con Nicole, che è Pilates; e MadFit , che penso assomigli molto al personaggio di Anna Konkles in Pen15 se fosse cresciuta e avesse uno spettacolo di fitness. Nell'ultimo anno, sono diventato ossessionato dal cercare di ottenere una confezione da sei, cosa che non è accaduta. È così difficile! Ma più di ogni altra cosa, allenarsi migliora la mia salute mentale.

Il tuo libro è così bello. Com'è stato scrivere qualcosa di così personale, straziante e onesto?
È stato allo stesso tempo straziante e gioioso. Volevo iniziare con ciò che era buono, rivivere la mia infanzia e ricordare tutti quei momenti speciali. Ho anche sentito l'urgenza di condividere ciò che avevo sopportato, di portare a nudo tutte le mie ferite. Sono andato nel cancro e nella morte di mia madre mal preparato, e ho provato molta rabbia per non essere stato in qualche modo avvertito. Ho sentito un senso di importanza nel voler esprimere questo. Ho pianto molto davanti al mio computer, mi sono preso delle pause e ci ho ripreso. È stato un processo di quattro anni che ho iniziato a scrivere casualmente nel 2016, ho scritto la scrittura più concentrata dal 2018 al 2020 e ho consegnato la revisione finale a luglio 2020.

Qual è la tua personale filosofia di bellezza?
Ognuno dovrebbe fare quello che vuole! Questa è la mia filosofia. Inoltre, anche se sono solo tre o cinque minuti al giorno, ogni volta che uso un bel prodotto, o semplicemente mi prendo un momento per me stesso, penso a mia madre.

Grazie mille, Michela.

PS Altre uniformi di bellezza, tra cui una ballerina, un'esploratrice polare e una seria appassionata di trucco.