Seleccionar página

Il direttore della fotografia Ava Benjamin Shorr ha lavorato a spettacoli e film rivoluzionari, tra cui Disclosure , che offre uno sguardo approfondito alla rappresentazione di Hollywood delle persone transgender. Qui, condivide il segreto per una pelle luminosa e ciò che ha imparato sulla propria espressione di genere

Il documentario Disclosure è notevole. L'ho guardato molte volte. Come ci si sente a lavorare su questo progetto?
Durante le interviste, la mia mascella si spalancava semplicemente, a causa delle bellissime storie che raccontavano le persone transgender. Come persona trans, ho trovato difficile trovare la mia storia perché non è proprio nei media e non viene insegnata nelle scuole. Per lo più è solo tramandata da persona a persona. Per Disclosure, abbiamo intervistato creativi e pensatori trans sulla rappresentazione hollywoodiana delle persone transgender e su come ciò abbia influenzato la comunità. Abbiamo girato tutte le interviste in piccoli lotti ed è stato incredibile che ho incontrato i miei eroi.

Com'è stato per te raccontare le storie delle persone trans?
È stato un progetto emozionante. Spesso, come DP, ti viene chiesto di esaminare gli aspetti psicologici dei personaggi, ecco da dove provengono le scelte di illuminazione e inquadratura. Ma, in questo progetto, tutta l'emozione era proprio lì davanti a noi. È stato un viaggio piuttosto intenso per conoscere come si è affermata parte della mia stessa transfobia e anche come i media e Hollywood hanno creato generazioni di persone transfobiche nella società occidentale. Avrei dei flashback sulla vergogna della mia infanzia.

Com'era il tuo viaggio?
Ho avuto la mia prima sensazione che qualcosa fosse diverso intorno ai sette o otto anni. Mi sembrava di svegliarmi da una foschia e prendere conoscenza. Intorno alle 11 o 12, ho iniziato a travestirmi molto e l'ho fatto in privato probabilmente per circa 10 anni. Non sono mai stato beccato da nessuno nella mia famiglia, ma il momento più vicino a cui mi sono avvicinato è stato quando stavo facendo da babysitter a mio fratello e i miei genitori sono tornati a casa e mia madre mi ha detto, Indossi il mascara? E io ero tipo, No, pensavo di averlo lavato via tutto. Dopo di che, sono stato molto attento a non farmi prendere.

Come hai saputo di più sulla tua identità?
A causa di Internet, intorno ai 14 anni, ho iniziato a rendermi conto che c'erano persone trans là fuori, ma non mi consideravo una di loro. All'inizio degli anni 2000, molte cose online erano iperfemminizzate con gif di farfalle rosa. Ero tipo, se questa è trans, non sono io. Invece, ero tipo, Oh, guarda quella bella ragazza punk laggiù. Mi piacevano le culture alternative, il basket e lo skateboard. Transness e quelle cose non si sono mai fuse in un singolo essere umano che potevo vedere. Ma nella mia tarda adolescenza, ho visto più donne trans che erano varianti di genere e un po' più come me. Ho iniziato a lasciar andare lentamente questa idea che non ero trans. Quando avevo 24 anni, ho iniziato la transizione.

Come ti sei sentito?
Ho assunto ormoni negli ultimi sette anni e ho subito un intervento chirurgico al sedere, ma mi sveglio ancora ogni giorno con la disforia sul mio corpo. È una lotta continua per sentirmi a mio agio nella mia pelle. Ma so che è un viaggio e penso che a volte sia salutare pensare a come potremmo sempre voler cambiare qualcosa e va bene così.

Chi erano i tuoi modelli di bellezza crescendo?
I miei occhi raccoglievano costantemente tutte queste immagini, stili e opzioni di abbigliamento. Stavano andando in un grande cervello confuso che non sapeva come elaborare tutto. Ero abbastanza perso. Andreja Peji ha significato molto per me. Quando è diventata famosa per la prima volta come modella, indossava abiti sia da uomo che da donna e la gente la considerava un maschio, ma era molto androgina. Ricordo di aver pensato che fosse interessante perché non era un oggetto sessualizzato, era più una figura culturale. Sento anche che è importante condividere quanto sono in debito con i neri e le donne trans di colore. Imparo da loro ogni giorno come essere potente e come amare me stesso. Le donne trans di colore hanno gettato gran parte delle basi per i diritti e le libertà che ho come persona trans oggi.

Com'è la tua routine mattutina?
Mi sveglio molto presto. Ho preso questa pazza dipendenza da questo gioco di carte collezionabili chiamato Magic: The Gathering, quindi a volte gioco online la mattina. Faccio la mia routine di cura della pelle e poi faccio una doppia dose di Starbucks prima di arrivare al set.

Su quali prodotti per la cura della pelle giuri?
Il mio siero del Santo Graal è COSRX Advanced Snail 96 Mucin Power Essence.

Cos'è l'essenza di lumaca? Ne ho sentito parlare molto ultimamente.
È uno dei sieri più idratanti che ho usato; e a circa $ 25, è uno dei più economici che abbia trovato. Vivo a Los Angeles, dove è molto secca e questo aiuta a salvare la mia pelle. La mia faccia sembrerà così vivace e luminosa. Poi, per la crema idratante, adoro il modo in cui Dermalogica Intensive Moisture Balance fa sentire la mia pelle. Per la protezione solare, mi piace EltaMD.

Hai un profumo caratteristico?
Ne ho due. Il primo è mes Surs Roll On Perfume. Sono quasi finito e non voglio più usarlo perché ha un buon odore. Poi un amico mi ha regalato una fragranza alla vaniglia roll-on di Whole Foods, che adoro anche io. Ho speso così tanti soldi in fragranze e uno dei miei preferiti è $ 10 da Whole Foods!

Qual è la tua filosofia di bellezza?
L'individualizzazione è una parte enorme della cultura e qualsiasi cosa le persone vogliono fare per adornarsi è qualcosa che dovrebbe essere celebrato. Penso che solo ora stiamo iniziando ad accettare la bellezza individualizzata in tutte le sue forme e forme. Prendere il controllo del mio corpo è stata la cosa più potente e positiva che abbia mai fatto.

Grazie mille, Avà!

PS Tre ragazzi transgender condividono le loro storie e il piccolo tour della casa gay.

Nota: se acquisti qualcosa tramite i nostri link, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione, senza alcun costo per te. Consigliamo solo prodotti che ci piacciono davvero. Grazie molte.