Seleccionar página

Sono passati quattro mesi dalla nascita di mia figlia quando

Ho iniziato a sentirmi come se stessi perdendo me stesso. Quando mi sono guardato allo specchio, non ho più visto una donna frizzante e loquace, che viveva per indossare abiti carini e aveva abbastanza energia per preparare una nuova ricetta dopo un'intera giornata di lavoro e tre ore di pendolarismo.

Invece, ho visto capelli crespi che spuntavano da un berretto da baseball, una maglietta imbevuta di latte e una persona che aveva a malapena abbastanza resistenza per sopravvivere alla giornata con il suo bambino, per non parlare di fare qualsiasi altra cosa. Piatti ammucchiati nel lavandino. La biancheria era sparsa su tutto il pavimento della camera da letto. E il pensiero di passare 30 minuti a pettinarmi e truccarmi o a mettere insieme un outfit non sembrava più divertente. Sembrava solo uno spreco. Perché usare quel tempo prezioso per sembrare presentabile quando potevo recuperare il sonno?

Durante la mia gravidanza, ho avuto la fortuna di conoscere una manciata di mamme nuove ed esperte che mi hanno fatto discorsi di incoraggiamento per tutti i momenti monumentali. L'eccitazione e l'intensità del lavoro. Come gestire qualsiasi depressione postpartum e come superare quelle notti insonni da neonato. Sono stati anche così gentili da prepararmi per quella prima spaventosa cacca post-bambino (due parole: succo di barbabietola).

Quindi, dopo nove mesi trascorsi ad ascoltare questi segreti della maternità, mi sono sentita sicura e pronta. E durante i miei primi mesi con Ella, abbiamo preso un buon ritmo. In qualche modo entrambi abbiamo rapidamente scoperto l'allattamento al seno. Ho imparato a cambiare i pannolini sporchi al buio. E, per fortuna, la nostra famiglia è riuscita a superare quelle temute notti di neonato senza grandi crolli. Quando Ella si è svegliata durante le prime ore del mattino, si è semplicemente rilassata a letto e ha guardato un film Disney finché non si è addormentata.

Ho amato quei primi mesi. Erano teneri e dolci, pieni dell'odore inebriante di Dreft, alito latteo del bambino e coccole gentili.

Ma, un giorno, i compiti del nuovo genitore hanno iniziato a sembrare monotoni. Sedersi per piegare un mucchio di minuscoli vestiti per bambini sembrava opprimente invece che affascinante. E l'incertezza del programma del sonno di Ellas mi ha prosciugato; svegliarsi alle 2 del mattino per guardare la Disney ora era stressante, non divertente.

Mentre amavo la mia nuova identità di mamma e i vantaggi che ne derivano, i primi sorrisi mi sono accorto che mi mancavano i miei giorni pre-bambino. Ripensandoci, ho ricordato le amiche di mia madre che dicevano che ci sarebbero stati giorni in cui la maternità sarebbe stata molto importante. Ma nessuno mi ha avvertito del palcoscenico in cui mi sarebbe mancata la mia vecchia vita e poi mi sarei sentito in colpa per aver perso quella vita.

Quindi, a quattro mesi dall'inizio della maternità, stavo lottando. Ma un giorno, mentre ero in una preziosa corsa da solista, stavo ascoltando un podcast preferito e il co-conduttore Gabby ha detto qualcosa di chiarificatore:

La capacità di ognuno è diversa, una delle cose che la maternità fa davvero per alcune persone è che cristallizza davvero la tua capacità. Conosci ciò di cui sei capace in un determinato giorno, settimana, mese, anno. E non c'è capacità, questa è la capacità giusta. C'è solo la tua capacità.

Immediatamente, ho sentito un enorme peso sollevarsi dal mio petto. Mi sono reso conto che io, Jannelle Sanchez, sono nata con una certa capacità. Una capacità emotiva. Una capacità fisica E una capacità di servizio del bambino. E va bene.

Ci saranno giorni in cui riuscirò solo a sopportare di infilarmi maglietta e leggings, l'allattamento al seno e il cambio dei pannolini. E ci saranno altri giorni in cui potrò fare tutto quanto sopra, e anche avere la capacità di giocare otto round di cucù, truccarmi una faccia fresca e avere una conversazione divertente e adulta con mio marito.

Vedere la maternità attraverso la lente della capacità ha portato pace e struttura ai miei giorni. Mi ha aiutato a rimanere con i piedi per terra mentre pianifico i miei compiti settimanali. Mi ha insegnato come essere onesto con me stesso per fare il check-in con la mia mente e il mio corpo e capire quando ho bisogno di fare una pausa o chiedere aiuto. E mi ha aiutato a essere più gentile con me stesso. Quando vedo un'altra mamma su Instagram o nel negozio, che sembra interagire con i suoi figli, prosperare nella sua carriera e sembrare uno spuntino, ricordo a me stesso che 1) abbiamo tutti capacità diverse in momenti diversi, e va bene, e 2) anche lei potrebbe essere in difficoltà.

Dopo un anno di genitorialità, ho ancora dei giorni in cui tutto sembra sbilanciato. Ma ho visto crescere le mie capacità e ora ho spazio per fare hobby che mi aiutano a sentirmi me stesso. Come vestire Ella e me con abiti divertenti. E affronta progetti che mi stanno a cuore, come entrare a far parte della squadra di Cup of Jo. E anche cuocere spontaneamente torte soffici nelle sere feriali. E questo mi dà speranza.

E tu? Mi piacerebbe sapere qual è la tua capacità di essere genitori o di vita in questo momento, e come stai gestendo tutto.

PS Un grande libro per i neogenitori, e la frase di maternità di Joannas.