Seleccionar página

Sei stato in un negozio John Derian? Il negozio di articoli per la casa è come la soffitta di un nonno, con curiosità sorprendenti ovunque guardi. Non sorprende che la casa di Provincetown del 18° secolo di John sia altrettanto affascinante. Un capitano di mare viveva qui, e poi una famiglia l'ha avuto negli anni '30, dice. Vivo qui da 11 anni e amo la storia qui. Ecco una sbirciatina dentro

SCALE:

Per scherzo del destino: stavo visitando un mio amico a Provincetown e questa casa aveva un cartello in vendita. Sembrava abbandonato, e sono una ventosa per una colonna. Quando ho chiamato il numero, hanno detto che era sotto contratto, ma mesi dopo ho scoperto che la vendita era fallita. Non appena sono entrato, ho detto, AMO QUESTA CASA. È stato come fare un salto indietro nel tempo. Mi piace anche l'odore. C'è una naturalezza che fa sentire bene quando entri.

Sul rispetto del passato: ho rinnovato l'impianto idraulico ed elettrico, ma ho lasciato il resto della casa com'era, anche la carta da parati scrostata. Un anno dopo, mio ​​fratello visitò e disse: Prenditi il ​​tuo tempo per rinnovarlo. Non ho avuto il coraggio di dirgli che l'avevo già fatto.

SALOTTO:

Divano: John Derian x Cisco Brothers. Pittura: Pat De Groot. Cuscini e plaid: realizzati a mano da Jeanette Farrier.

Sulla passione per i film: crescendo, il sabato e la domenica, c'erano i film delle 10, 2, 4 e 6 in TV. Mi nascondevo nel seminterrato a guardarne tre di fila finché qualcuno non mi arrestava per andare a fare i lavori in giardino. Mi sono piaciuti I Know Where Im Going e Black Narcissus. I film mi hanno insegnato molto sugli interni.

Presidente: John Derian. Lanterna: antica. Candele: simili.

Sulle candele torreggianti: io e un amico siamo andati in un negozio che vende tutte queste candele alte. Mi stava dando dolore, dicendo: Perché qualcuno dovrebbe usarli? E stranamente, una settimana dopo, eravamo a un evento di lavoro e loro avevano le candele e stavano benissimo. Alla fine era tipo, ho capito. Le candele alte portano la luce sopra tutti e puoi vedere, giocare e mangiare. Se sono troppo bassi, non funziona davvero.

Sull'arte appesa: volevo mantenere la casa il più organica possibile, quindi ho appeso le cose ai chiodi che erano lì invece di aggiungere chiodi. Apprezzo molto vedere come si evolvono le cose.

SALA DA PRANZO:

Natura morta: Evelin Bodfish.

Sull'innamoramento: io e il mio ragazzo Stephen ci siamo incontrati a una cena. Era un set up, anche se non lo sapevo fino a sei mesi dopo. Lo sapevano tutti. È passato un decennio ormai. È un ragazzo fantastico. Balla, cucina, gli piace la musica, è un fotografo, è tutta la gamma. Ha 10 fidanzati in uno.

Sull'accoglienza degli ospiti: nei primi anni dovevamo risolvere i problemi, ma ora si tratta di una scienza: molti dei miei amici amano apparecchiare la tavola o cucinare, facciamo tutti le cose insieme. Ho sempre l'acqua frizzante in frigo e al mattino preparo un uovo con il lato soleggiato in olio d'oliva, che gli amici ora chiamano l'uovo di John Derian. Penso che sia divertente che i miei amici mi chiamino per tutto il mio nome.

Tavolo e sedie da pranzo: antico. Divano: John Derian . Cuscini: Jeanette Maniscalco.

Sull'aggiunta di dramma: i soffitti sono molto bassi ed è divertente giocare con la scala. Mi piace come puoi colpire il soffitto con una composizione di fiori.

Sugli accoglienti ritiri: di che si tratta degli angoli? Una volta, quando avevo forse 26 anni, stavo prendendo qualcosa dal mio armadio, ed era così invitante che mi sdraiai, mi raggomitolai e dormii per un'ora. Ricordo ancora quel pisolino. Nella sala da pranzo c'è un'alcova con divano e tavolo. Mi siedo lì molto. È molto nascosto. È un angolino.

CUCINA:

Sui giochi: quando si tratta di giochi, sono come un terrier con un osso. Usiamo le tessere Bananagram per giocare a un altro gioco chiamato Anagrams. È eccitante, ma stressante. Suoniamo anche Canasta, Boggle e Scrabble. Bene, gioca a Celebrity in cucina, anche con la persona che sta cucinando, così possiamo uscire tutti insieme.

Sulle cose preferite: a volte nei nostri negozi vendi bene cose a cui mi sono affezionato e per un momento mi rattrista. Sono orgoglioso della collaborazione che svolgiamo con Astier de Villatte e l'azienda in Inghilterra che produce frutta e verdura in porcellana. Nei portafrutta, l'anguria e le zucchine sono finte.

CAMERA JOHNS:

Letto, comò: antico. Copriletto: Lisa Corti . Arte del carboncino: Benekker.

Al mattino presto: la mia camera è sul retro perché è silenziosa. La cosa divertente è che Provincetown è così lontano dall'oceano, è super luminoso perché il cielo è aperto tutto intorno a te. Non ho le tende, quindi alle 4:45 del mattino, il sole splende proprio sulla mia faccia.

Divano: John Derian x Cisco Brothers. Tavolo: antico. Pentola: Guy Wolff.

Sull'essere spaventati: i primi sei mesi, le persone mi chiedevano se mi spaventavo di notte. Quando la casa è stata rinnovata, alcuni piani sono stati strappati e c'è stata una tempesta di attività spirituale. Continuavo a dire alla casa, ad alta voce, che andrà meglio! Ma non credo che qui ci sia nulla di cui devo preoccuparmi.

Sulle collezioni: crescendo, ho collezionato monete, rocce, conchiglie, cose della natura. Li amo ancora. Ancora oggi, quando torno a casa, mi svuoto le tasche e ho cose come piume e unghie.

CAMERA PER GLI OSPITI #1:

Letto a baldacchino, comodino, dipinto impressionista belga: antico. Copriletto: Jeanette Maniscalco . Lancio: Monte Brahms.

Sui letti degli ospiti: il mio approccio ai letti è piuttosto semplice: faccio un lenzuolo sopra e sotto e una piccola coperta; e mi piacciono le opzioni di stratificazione per le persone. Ho la biancheria da letto John Robshaw e Matteo. I piumini sembrano troppo caldi in estate. E qualcuno sa davvero come indossare un copripiumino?

CAMERA PER GLI OSPITI #2:

Letto, sedia e lampada: antichi. Copriletto: Matteo . Pittura: Hugo Guinness.

Su un'atmosfera casalinga: è bello quando le camere degli ospiti hanno un cassettone in modo che le persone possano mettere via i loro vestiti. Anche se sono in un hotel per due giorni, mi piace disfare le valigie e fingere di vivere lì. In più, una sedia e un tavolo se possibile, nel caso gli ospiti vogliano disegnare o scrivere.

Arte: Paul Lee. Panca e cuscino: antichi.

Sui regali: non usiamo il camino in estate, quindi la mia amica Susan mi ha dato del tumbleweed da mettere lì.

BAGNO:

Tavolo, nudo artistico parigino, tappetino da bagno: antico. Hardware della vasca: Barber e Wilsons Co.

Sull'arredamento del bagno: il nudo che c'è qui, è semplicemente successo! Ho due nudi in due bagni. Non ci ho mai pensato davvero! Ma i nudi nei bagni hanno un senso.

STUDIO D'ARTE:

Tabella: Paula Rubenstein.

Sulla fiducia nel tuo istinto: una volta ho conosciuto un uomo a Boston che ha appeso una scarpa da donna come se fosse arte. Tutto ciò che colpisce la tua fantasia può andare su un muro. L'idea di cosa sia l'arte, è così ampia. Di cosa vuoi circondarti di quello che pensi sia bello?

A Provincetown: il giorno di Capodanno, corro in acqua. C'è un club di orsi polari, e io mi unisco. In estate, ci sediamo in veranda prima di cena e prendiamo un cocktail e osserviamo la gente. È ottimo. Tutti vengono qui per divertirsi, etero o gay, vedi tutte queste persone che celebrano la vita.

ESTERNO:

Grazie mille, Giovanni!

PS Altri tour delle case, incluso un paradiso per gli amanti dei libri a Copenaghen e un appartamento a molti piani a New York.