Seleccionar página

Stamattina mi sono svegliato nell'Holland Tunnel. Mi permetta di spiegare

Storicamente, ho preferito dormire in una stanza che somigliasse a una tomba buia, fresca, silenziosa. Sono anche ciò che può essere descritto solo come un dormiente ordinato. Non c'è balle di cuscini e minimo fruscio di lenzuola. Spesso la mattina mi sveglio e scopro che il letto è ancora rifatto, con me dentro, come una sardina ben infilata nel barattolo.

Il mio ragazzo, d'altra parte, è il mio opposto dormiente. In ogni singolo modo. E ho fatto alcune concessioni.

Ora dormiamo con un accordo che scherzosamente chiamo Holland Tunnel. Oggi, il ventilatore a soffitto diffondeva aria nella stanza, come se il letto fosse una decappottabile. La macchina del rumore bianco ronzava con un suono simile alle macchine che sfrecciavano in un tunnel nell'ora di punta. Un assortimento di cuscini, riuniti in una disposizione che ricorda vagamente Stonehenge, è stato posizionato SULLA PARTE SUPERIORE DEL MIO CORPO. Le coperte formavano una stropicciata ai piedi del letto, rovesciandosi sul pavimento.

Cos'è questo?! borbottai tra me e me, più per la sorpresa che per il fastidio.

Quello che intendevo veramente era, come sono passato dalla tomba al tunnel? E come è successo così in fretta?

Solo un anno fa, non conoscevo ancora questa persona. Inoltre, mi trovavo in un posto dove temevo non l'avrei mai fatto. Se un anno fa io potessi vedere questa scena, sicuramente riderebbe. Sarebbe anche felice di vedere quanto può succedere in un anno che si può passare dal non conoscere qualcuno al non essere in grado di immaginare la vita senza di loro.

Una volta uscita dall'Holland Tunnel, mi sono diretta alla doccia, luogo di nascita di pensieri importanti. Mi sono reso conto che nel corso degli anni ci sono state molte cose che ho giurato di non fare, di dire o di non essere mai. E poi, a un certo punto nel futuro, li ho fatti o detti o sono stati loro. C'erano molti piani ben definiti che, per un motivo o per l'altro, sono andati in una direzione completamente diversa.

Quando avevo 17 anni, un gruppo di amici discuteva dei loro piani per il futuro. Cosa farebbero dopo il diploma di scuola superiore? Ricordo di aver dichiarato che non avrei MAI vissuto a New York City. Così sporco! Così urbano! Quindi non per me. Eppure, una volta che gli dei per l'ammissione al Barnard College ebbero parlato, mi trasferii felicemente qui l'anno successivo e rimasi per i successivi 17.

Undici anni fa, un ex fidanzato ha cercato di consolidare la nostra relazione regalandomi un adorabile cucciolo adottivo. La relazione è finita mesi dopo il fatto, ma il mio cane è facilmente l'amore della mia vita.

Più giovane sarei contemporaneamente inorridito e confuso dal contenuto del mio armadio, anche se non so se i jeans a vita alta o le Birkenstock l'avrebbero offesa di più.

Ovunque guardi, ci sono prove di tali svolte inaspettate, cambiamenti di carriera, opportunità casuali, incontri casuali. Ci sono amici che si sono trasferiti in posti inaspettati. Altri che hanno avuto trasformazioni spirituali. Conoscenti che, con una sola fatidica telefonata, hanno intrapreso percorsi lavorativi del tutto nuovi.

Ho un apprezzamento di lunga data, per nulla segreto, per The Real Housewives of New York City (denominato affettuosamente RHONY). Di recente, ho deciso di tornare indietro e rivedere la prima stagione, che si è rivelata un esercizio sorprendentemente profondo.

Dal mio punto di vista futuro, a 11 stagioni da qui, è stato affascinante osservare i personaggi vivere seriamente le loro vite. Scommetto bene diventare grandi amici! canticchia un membro del cast, su un compagno di cast con cui trascorrerà notoriamente gli anni successivi a combattere. L'apparentemente invidiabile matrimonio finirà con il divorzio. Ci sono cambiamenti di carriera inaspettati e bambini e persino il carcere.

Sebbene sia un ottimo intrattenimento, il punto più importante è che nessuno è immune da quella cosa pazza chiamata vita. Nessuna somma di denaro o vanità o fama o pianificazione può proteggerti. E mentre la maggior parte di noi non ha vissuto con le telecamere che hanno documentato il decennio precedente, oserei indovinare che tutti abbiamo vissuto cambiamenti simili.

Nelle parole di Lemony Snicket, Fate è come uno strano ristorante impopolare pieno di strani camerieri che ti portano cose che non hai mai chiesto e che non sempre ti piacciono. Ma a volte ti piacciono.

Per ora, mi accontento di dormire nell'Holland Tunnel. A New York City, con il mio cane ai miei piedi, e chissà cosa aspetta dietro l'angolo.

Quali parti della tua vita ti hanno sorpreso? Ci sono cose che il tuo io più giovane sarebbe stupito di vedere?

PS Il matrimonio pet irrita e in difesa della faccia da puttana che riposa.