Seleccionar página

Ieri sera ho presentato L'ultima cena

La mia amica era appollaiata sul mio divano, un cuscino adorabilmente appoggiato sulla sua pancia incinta di otto mesi.

Non sarà davvero così diverso, ha detto. Sorrisi e annuii, trattenendo la parte dove sicuramente accadrà.

Quando si tratta di amici che hanno bambini, sono rimasto qui più e più volte. Metaforicamente, sta per trasferirsi in una terra lontana e parlare correntemente una lingua che non parlo. Non importa quanto ci provo, non importa quante visite ben intenzionate faccio o libri o documentari o esperienza di baby sitter che ho dalla mia parte, non riuscirò mai a comprendere appieno il paesaggio: un terreno non mappabile dove un pezzo del tuo cuore esiste al di fuori del tuo corpo .

In questi ultimi istanti mi sto immergendo. Ci saranno, ovviamente, altre cene. Ma non saranno mai più gli stessi.

È strano, dice un altro amico senza figli, stabilisci queste relazioni con le persone per anni e anni, e poi all'improvviso, da un giorno all'altro, tutto cambia.

Naturalmente, ho familiarità con il cambiamento e il suo modo fastidioso di allinearsi ai momenti seminali della vita. Dopo il college, c'è stata una sorta di esodo. Alcuni sono tornati nelle loro città d'origine, altri sono partiti per proseguire gli studi universitari, altri hanno trovato lavoro in luoghi vicini e lontani. Negli anni successivi, ci fu una raffica di fidanzamenti e matrimoni e persino alcuni divorzi. Anche se non avevo sperimentato quelle cose, potevo seguire, potevo entrare completamente in empatia con la gamma di emozioni.

E poi tutti hanno iniziato ad avere bambini. Ed era diverso.

Per alcuni, avere figli è destino. Per altri, è difficile. Che sia per scelta, per circostanza o per qualche altro ibrido della vita, ci sono quelli di noi per i quali le uniche docce lanciate in nostro onore sono quelle destinate all'igiene personale.

Per tutti noi, la vita scorre. Ogni anno arrivano in formazione i soldati di carta. Ci sono le carte delle vacanze che tracciano la crescita di tutti. Gli annunci del bambino con pesi e lunghezze ea volte anche piccole impronte. Quando apro la busta, a volte verso una lacrima sentimentale. Poi li appendo al frigorifero, per salutarmi quando frugo in cerca del latte d'avena.

Ho un'amica single che ogni anno invia un biglietto di auguri con il suo gatto. Con ogni nuova edizione, i suoi fratelli la deridono per averlo fatto. Un'altra amica invia una cartolina condividendo i suoi successi personali dell'anno, i grandi viaggi, le pietre miliari del lavoro. Personalmente, lo applaudo. Invia la carta che vuoi! Perché gli aggiornamenti sulla vita di tutti non sono degni di un posto sul frigorifero?

Perché sapevi che l'avrei portato lì, c'è un episodio di Sex and the City in cui Carrie partecipa a un baby shower di amici e le viene chiesto di togliersi le scarpe alla porta. Le scarpe vengono rubate e l'ospite si offre di pagarle, finché non scopre quanto costano. Dai, Carrie, è pazzesco. Lei continua, Certo, spendevo così tanto per le scarpe, prima di avere una vita vera bambini, case wow .

Carrie si vergogna, ma poi si rende conto che nel corso degli anni ha fatto a questa amica fidanzamento, matrimonio e numerosi regali per bambini, di gran lunga superiori al prezzo delle sue scarpe. Era felice di celebrare le scelte e la fortuna dei suoi amici. Allora perché stava facendo vergognare il suo?

E qui arriviamo al baratro.

Sul lato senza figli della recinzione, i tuoi risultati improvvisamente sembrano più piccoli, come se fossero misurati da una metrica diversa. Forse hai comprato una casa o hai pagato un libro paga o hai ricevuto una promozione o hai scritto un libro o hai vinto un premio o, non so, hai ricevuto un bonus e hai deciso di sfoggiare delle scarpe. Non è che queste cose non siano sorprendenti o degne di orgoglio. È solo che non vorresti precipitarti in un edificio in fiamme per loro.

Qualunque sia la forma che assume, una vita senza figli è un territorio meno tracciato. Non viene fornito con una festa designata o una carta Hallmark. Non importa dove ti trovi o cosa hai realizzato, c'è la sensazione di essere lasciato indietro, anche se hai scelto di essere lì.

Mi è stato chiesto, in più occasioni, cosa faccio con tutti i miei soldi e tutto il mio tempo. È sempre un po' stridente, quando in un passato non troppo lontano, la persona che ha posto la domanda era proprio dove sono io.

Allo stesso modo, mi piacerebbe sapere come ci si sente a non essere mai messi alle strette da persone che si chiedono dove siano i tuoi figli. Per far celebrare le tue scelte e circostanze dalla società. Operare da un luogo in cui nessuno si chiede se la tua vita ha uno scopo e un significato.

Abbiamo tutti la tendenza a guardare l'erba apparentemente più verde dall'altra parte della recinzione. Stavamo tutti cercando di armeggiare nelle nostre rispettive situazioni, facendo solo del nostro meglio.

Se un amico dovesse andarsene, sarebbe ovvio che sono necessarie cure extra per coltivare una relazione a distanza. Quando un amico ha figli, lo stesso è vero, solo la distanza ora è emotiva.

Quando un buon amico ha avuto un bambino, le nostre frequenti gite nel quartiere si sono fermate. Ma sono state sostituite da cene regolari da asporto (a casa sua, una volta che il bambino si è addormentato). Parla bene delle nostre vite o gioca se i nostri partner sono presenti. C'è un po' di divisione linguistica. (Cos'è questa cacca verde di cui parli?) Ma vale senza dubbio lo sforzo di mantenere la relazione.

Nell'età adulta, sono arrivato a considerare le amicizie indipendentemente dal fatto che la persona sia single, sposata, genitore o meno come di natura oceanica. C'è un flusso e riflusso naturale. A volte siamo vicini, a volte non siamo così vicini ea volte potremmo essere addirittura distanti. Gli orari di lavoro cambiano. I bisogni emotivi cambiano. I bambini crescono. Vi allontanate e poi, altrettanto facilmente, vi allontanate insieme.

Attraverso tutto questo, siamo parte della stessa sfera, parte di un tutto più grande, e sempre presenti per l'altro, anche se con un po' di navigazione. A volte, ti ritrovi in ​​piedi sulla riva, salutando e augurando al tuo amico un passaggio sicuro. E confidando che un giorno troverai un ponte per connetterti ancora una volta.


PS Sulle gioie dell'amicizia femminile e di 8 donne sulla scelta di non avere figli.